A proposito di disinformazione

Si parlava nel post precedente di disinformazione…a occhio e croce me le chiamo, certe cose. Volete che vi racconti l’ultima avvenutra vissuta dal WDream? Ma si, dai.

C’era una volta questo post, intitolato “MJM vs. Writer’s Dream” in cui la sottoscritta s’inalberava leggeremente dopo aver letto tra le news della MJM il trafiletto in cui si diceva che calunniavamo codesta editrice per sport vendicarci del fatto che la MJM non c’aveva pubblicato (bugia). Tutto normale fino a quando non arrivò una certa utentessa – sulla cui reale identità nutro sinceramente dei dubbi – che si firma vanexa e che avanza una strana ipotesi:

Ciao, sono nuova qui. Io avevo scelto di editare con la MJM Editore e vorrei delle chiarezze. Cosa è successo? Cosa mi consigliate?

Leggendo questo forum ho visto che siete tosti ma se poi loro fanno veramente causa?

Sapete, ho navigato molto in questo sito e ho visto che sponsorizzate altre case editrici ma io vi posso dire che da alcune di queste, mi sono stati chiesti soldi, poi altro punto è che non hanno distribuzione. Se non volevo pagare mi avrebbero editato il libro attribuendo un codice ISBN ma non veniva stampato alcun libro. Se tramite una scheda libro vendono, stampano. Sinceramente non è il tipo di pubblicazione che vorrei, altrimenti mi tengo il testo nel cassetto. .

Avrei scelto la MJm perchè hanno comunque distribuzione e si dice che siano persone corrette a affidabili.

Voi che mi dite?
Ayame, ti posso mandare il testo da correggere e per fare una sinossi? Quanto mi costa?

Ciao Vanexa

Oh oh oh oh. Noi sponsorizziamo case editrici che a noi dicono che non sono a pagamento e a lei dicono il contrario. It’s F-A-N-T-A-S-T-I-C! Com’è ovvio, chiediamo delle prove alla nostra vanexa, che

però si mostra reticente, per paura della diffamazione. Tuttavia, prosegue imperterrita:

Preferisco non fare nomi però ti dico che c’è dentro anche quella che tu sponsorizzi.

Per il nome non voglio dartelo, qui si promettono cause a tutti ma ti posso dire, anche perchè ho ricevuto proposte anche oggi, che la maggior parte di chi non ti fa acquistare copie, ti da solo il codice ISBN e non ti stampa nulla. Anche le case che lavorano con te.

Scusa ancora. Tu pubblicizzi case editrici che hanno a catalogo o 6o 9 libri, non sono pochini?

…In fondo al forum c’è scritto “Sponsorizziamo Villaggio Maori Edizioni”. Ci vuol tanto a capire di chi si parla? Alla fine la persuadiamo a tirar fuori i nomi, dopo una serie di uscite del tipo:

Comunque la mia domanda è:
se mi rivolgo ad una che non chiede acquisto copie, cosa mi da in cambio? Non è Mondadori. A me non serve pubblicare ma pubblicare e distribuire.

Ciao, per quanto riguarda la distribuzione MJM mi hanno detto che si può vedere sul sito e sono in ampliamento,…….ma vedo che esiste, a differenza di altri.

Parlo della Danea e della villaggio maori.
……..e sto scoprendo le altre.
Scusa ma io studio economia e commercio. Mi spieghi come le case editrici che consigli tu, sopravvivono (economicamente)? Non vendono libri, non distribuiscono non fanno acquisto copie. Scusa ma non credo alla beneficienza!!!
Comincio a pensare che i tuoi suggerimenti sono di parte.

Ne esce una lista interessante:

Sotto il consiglio di Ayame ho verificato le case editrici, anzichè studiare. Mi spiace che qualcuno pensa che io sia di parte ma non è così. Dopo un’attenta riflessione, dopo le ricerche, ho capito che editori da voi criticati, in realtà ne fanno un’impresa. Pubblicano con l’ausilio di partecipazione, ma sono serie. Mi riferisco a SBC, MJM, Gilardi e altre che chiedono una mano da parte dell’autore con l’acquisto di copie (con le quali, vendendole, si recuperano i denari spesi).
Non capisco l’impresa di altri come il Filo che si fanno pagare tutto (6000/7000 euro).

Tornandi a quelle che sponsorizzate voi, ho scoperto stamane le seguenti cose (metto i riferimenti altrimenti qualcuno non crede e la critica è più facile)

– ELLIOT EDIZIONI è giovane, da poco nata. Ho inviato una richiesta di contratto e informazioni specifiche ma non mi hanno risposto.

– GALAAD EDIZIONI hanno pubblicato solo 7 libri e non si vedono foto copertine. Inviata richiesta informazioni e contratto, sono stati molto evasivi, cioè non sono stati chiari.

– PAROLE SPARSE dal loro sito si vede che non hanno un numero di telefono fisso ma solo cellulari inoltre il fax è un numero a pagamento.

FONTE (LORO SITO)

Infoline: 331.2606460

Fax: 1782200565

Spadaro Giuseppe – titolare –
cell: 338.8027493

Matteo Pugliares – direttore editoriale –
cell: 328.6926771

– qui il bello.
La VILLAGGIO MAORI, casa editrice da voi sponsorizzata caldamente, è in realtà una cartolibreria che fa da editore. Dov’è l’esperienza? Hanno la giusta qualifica?

Vi allego questo per prova

——————-

dati dal Registro delle Imprese

Denominazione LA PORTA SALVATORE
Insegna VILLAGGIO MAORI EDIZIONI
Sede legale VIA VITTORIO EMAUELE 366 – CATANIA (CT) – 95100
Attività ATTIVITA’: CARTOLIBRERIA.

FONTE (ATTO PUBBLICO)

Cerca ancora su infoimprese.it
[5.000.000 imprese dagli archivi ufficiali delle Camere di Commercio italiane]

—————–

Inoltre distribuisce solo in parte della Sicilia (Catania Palermo e Siracusa) (dal loro sito) e non hanno un numero di telefono.

Questo è quello che ho notato questa mattina facendo le ricerche per cercare di capire con chi editare.
La mia domanda è: perchè consigliate questi editori? Perchè lavorate con loro?

Ciao
Vane

Già, distribuiscono solo in Sicilia, perché come tutti gli editori piccoli non riescono ad entrare nella grande distribuzione.

Ma…ma…Elliot?? Una tra le pochissime editrici giovani ad avere distribuzione nazionale effettiva viene tacciata come editrice con distribuzione inferiore a MJM.
Ora, fate un test. Andate nella vostra libreria di fiducia – o in quella che volete, non mi interessa – e chiedete se hanno libri editi dalla Elliot. Poi chiedete se hanno quelli della MJM e ditemi cosa vi rispondono.

Poi…Galaad non dà molte informazioni, è piuttosto vaga. Vedo che quando io ho chiesto loro se pubblicavano a pagamento hanno risposto di no. E così hanno detto anche nell’intervista a Galassia Arte. Tra l’altro la nostra vanexa ha deciso di pubblicare con SBC, ha detto, ma prima era indecisa se firmare con MJM. Mi chiedo come mai dica che Galaad fornisce informazioni vaghe quando – lo potete leggere nel blog – a me MJM ha risposto in maniera vaghissima. Wow, obiettività zero…

Dopodiché vanexa ha espresso dubbi sull’affidabilità di Danae Libri come editore.

Ma-ma…Danae non è un editore! o.O

Ho dato un’occhiata e vedo quello che ho già detto. Sono piccole case editrici che chiedono per alcuni autori acquisto copie. Il fatto è che qui ci si nasconde dietro un dito perchè è implicito che se io mi affidassi a una delle case editrici che dite voi (“non a pagamento”) poi mi devo comunque acquistare delle copie da loro per regalarle e magari a prezzo pieno, cosa cambia? Le case editrici che sponsorizzate voi stampano ?200? copie ma di quelle me ne regala qualcuna? Ti dico no, perchè ho passato la mattinata al telefono e sai quale è stata la risposta? “No, se lei volesse delle copie da regalare le deve acquistare.”
Se loro stampano? 200 copie e io ne acquisto 50, loro si sono già coperti le spese di stampa ma io ho in distribuzione? 150 copie (solo in Sicilia per la villaggio).

Ed ecco il GIOCHINO, non te lo impongono ma le compri comunque perchè ti servono.

Scusate ma anche l’università mi porta al realismo economico.

Sempre visitando i siti mi sono accorta che le librerie in Sicilia sono anche distribuzione di quelle a pagamento.

Mi ripeto, io non pubblico con la MJM e non me faccio parte. Pubblico con la SBC. Cosa c’è, vi da fastidio aver svelato il giochino?
Non facciamo stupide illazioni!!!

Le facciamo noi le stupide illazioni, eh? Siamo noi quelli che difendono le editrici a pagamento a spada tratta e sputiamo su quelle che non chiedono contributi?

La Gilardi non la conoscete? Loro sono chiari. Pubblicano scientifico ma se vuoi pubblicare narrativa non ti fanno pagare nulla ma fanno solo una scheda e se vendono stampano. Neglio loro allora!
Ma meglio loro di chi? Della Elliot, per caso? No, perché io la Gilardi, mi scuseranno i signori dell’editrice in questione, non l’ho mai sentita nominare.
In ogni caso Elliot, Parole Sparse, Galaad e VME sono state messe al corrente della situazione – che mi appare assai diffamatoria.
Invito tutti quanti, comunque, a piantarla con la disinformazione. Ci fa schifo.
Annunci

3 thoughts on “A proposito di disinformazione

  1. Ciao, vedo che contunui ad incolparmi per nulla. Che scopo hai a sminuire un’autrice esordiente? Mi hai detto di fare ricerche, le ho fatte e mi dai della falsa?
    In più lavori alle spalle perchè per pura casualità ho scoperto questo blog che usi per riportare le cose a tuo modo.

    Scusa ma la gente che legge qui, si rende conto da sola che qualcosa non va (logicamente sul vostro lavoro). Sai, sono stata contattata da una vostra vecchia utente, che ha aperto un suo forum, proponendomi di spostarmi. Effettivamente mi ha raccontato tutto quello che fate qui. Cambia toni, si vede che parteggi per la villaggio Maori e altre piccolissime realtà.

    Poi, hai provato a chiamare la cam di comm.? Io si, sai cosa mi hanno detto? Che infoimprese, presente nel loro sito, è aggiornatissimo perchè ogni cambiamento va in automatico. Ti rendo conto delle cavolate che dici? Gli utenti non sono mica stupidi.

    Ricapitolando.
    queste case editrici non sono a pagamento ma …….. io mi devo acquistare le copie. Cosa cambia da SBC; MJM, Altromondo e altri? Che loro ne fanno un contratto mentre i “non a pagamento” mi obbligano PSICOLOGICAMENTE.

    Stai dando cattiva informazione.
    Ciao, Vane

    P.s. Ah, puoi cancellare anche le info tanto, con la tua amica, abbiamo già rifatto il blog nel suo forum.

    P.P.s. Scusa, ma chi pensi di prendere in giro? Se vuoi trovare lavoro, fallo con correttezza!!!

  2. 1° io non uso questo blog alle spalle di nessuno, è il blog ufficiale e non sono tenuta a notificare a nessuno il mio operato;

    2° ti consiglio di moderarti, stai diffamando editori seri e l’operato del WDream;

    3° Una nostra vecchia utente? Di chi parli scusa? E cosa ti avrebbe raccontato “a proposito di quel che facciamo qui”?

    4° se tu vuoi pagare per pubblicare sono AFFARI TUOI. Pubblichi con chi ti pare e piace. Noi del WD e la stragrande maggioranza degli esordienti – inclusi noi, che siamo autori esordienti – vogliamo pubblicare senza pagare contributi;

    5° Che info dovrei cancellare?

    Parliamo poi delle emerite boiate che hai scritto sul forum:

    Mi sa che è un nuovo utente creato da qualcuno ……………..vero Ayame?
    Aveva ragione la mia amica, molta falsità qui!!!

    P.s. Ah Ayame, la tua amica che ha capito il cattivo gioco, nel suo forum, inserirà tutte le tue magagne. Mi sa che sono finiti i giochi.

    Ma di quali giochi, di quali magagne vai parlando? Abbiate il coraggio di postare qui non solo tutte le “magagne” che intendete affrontare nel vostro capolavoro della disinformazione blog/forum ma anche il link dello stesso. Così vediamo.

    Parliamo poi di queste copie che vuoi acquistarti…
    L’editore non a pagamento non ti obbliga PSICOLOGICAMENTE ad acquistare copie del tuo libro, sei te che lo vuoi fare. Capisco acquistarsi una 50ina di copie, ma 150, 200, 300 copie sono numeri enormi.
    Posso allora affidarmi tranquillamente a Lulu e Boopen e acquistarmi li le copie che desidero. Se acquistando 100/200 copie del proprio e rivendendole gli autori avessero tutto questo guadagno immagino che gli autori di Lulu, Boopen e di tutti gli altri editori a pagamento si sarebbero ben arricchiti.
    Invece no.
    E come ti spieghi che ci sono editori NON A PAGAMENTO che da anni vanno avanti – Galaad, 0111, Las Vegas, VME e molte altre – non chiedendo contributi? Se non sono fallite evidentemente un motivo ci sarà: significa che vendono abbastanza da coprire le spese e da guadagnarci sopra. E quindi la distribuzione ce l’hanno.

    In ogni caso te lo ripeto: piantala di fare affermazioni false, di accusare me di essere falsa, di accusare editori seri di essere falsi.

    Proprio perché i lettori non sono stupidi e sanno che noi da questo progetto non ci ricaviamo un soldo capiranno, leggendo, chi ha ragione.
    Invito tra l’altro i lettori a dare un’occhiata al forum, visto che sono intervenuti i responsabili di VME e alcuni autori che hanno pubblicato con loro.

    Ah, dimenticavo…lasciamo in pace Danae, che non è un editore…vedo che le tue ricerche sono MOLTO approfondite, visto che pretendevi risposte sulla sua attività (inesistente) di editore a pagamento.

  3. Replico anche su questo forum.
    La discussione più chiara la si trova su http://writersdream.forumfree.net
    Qui ribadisco:
    1) Non siamo editori a pagamento
    2) le nostre tirature sono di 1000 copie
    3) La partita iva: 04566270874
    4) Stiamo cercando di risalire all’identità di questa/o vanexa per denunciarlo per diffamazione.

    Salvo La Porta, Villaggio Maori Edizioni S.A.S.

I commenti sono chiusi.