» Recensione “Il lamento dell’usignolo”

copertina "lamento dell'usignolo"

Titolo: “Il lamento dell’usignolo”

Autore: Laura Schirru

Editore: Edizioni Montag

Genere: fantasy, rosa, fantastico

Romanzo d’esordio di Laura Schirru, Il lamento dell’usignolo non sembrava esattamente nelle mie corde letterarie. Ho sempre preferito i thriller ma, dopotutto, non ho mai disdegnato i fantasy. Anzi, i fantastici, definizione che personalmente applico a libri nello stile Marion Zimmer Bradley.

In realtà, Il lamento si è rivelato precisamente nelle mie corde. Non solo l’atmosfera rievoca a tratti quella meravigliosa che caratterizza Le nebbie di Avalon della già citata Zimmer Bradley, ma anche lo stile dell’autrice rimanda lontanamente alla grande scrittrice fantasy.

La trama

La storia narra il conflitto tra Zagart, tiranno di Elunar, e i seguaci del culto di Aslim Fen, che rifiutano di riconoscere la sovranità di colui che definiscono un usurpatore.
La vicenda si apre con il re che cattura Lara, bellissima figlia del sommo sacerdote di Aslim Fen. Zagart s’invaghisce dello splendore della ragazza e, affascinato dal suo orgoglio e dalla sua testardaggine, decide di prenderla come sua concubina e come sua sposa.
Lara inizialmente è divorata dall’odio per colui che ha violato la sua verginità sacra e votata alla dea, ma lentamente affioreranno in entrambi i ricordi di una vita precedente, in cui Zagart e Lara si amavano alla follia.
Quando anche la sacerdotessa cede all’amore, la sventura si abbatte sui due sovrani, appena diventati genitori: i seguaci di Aslim fen rapiscono Lara, per farla sposare con il sacerdote Vargas, legittimo erede al trono.
La ragazza sprofonderà per l’ennesima volta in un incubo, in cui si renderà conto che i suoi amici non sono in realtà tali, che per suo padre altro non è che una pedina per il potere…fino a quando il passato non tornerà prepotente a reclamare ciò che gli spetta.

Lo stile di Laura Schirru è fluido, scorrevole, attraente:  sa cattura l’attenzi0ne sin dalla prime pagine, dove fa intuire alcuni sottili fili rame della storia.

Il libro non concede sosta, non dà tregua: in alcuni parti mi sono sentita accalappiata per il collo, in perenne ansia e in perfetta sintonia con i sentimenti di Lara, sacerdotessa violata combattuta tra l’amore che cerca di reprimere e la devozione ad Aslim Fen.

Un fantasy senza draghi, senza elfi (per fortuna!), senza l’interminabile viaggio presente di norma in tutti i fantasy dell’epoca post Tolkien: un fantasy in cui fa da padrone la lotta per il potere, un potere che sottomette e che viene sottomesso…ma non completamente.

Il libro è senz’ombra di dubbio bellissimo. Un fantasy non banale, non scontato, scritto bene, senza i tipici errori degli esordienti come inforigurgiti e compagnia bella.

Molti scrittori esordienti, quando scrivono fantasy, sono presi dalla smania di raccontare tutto il mondo da loro creato, di mostrare tutti i regni, tutti i monti, tutti i laghetti, i santuari e anche le latrine; Laura Schirru no, non lo fa.  Mostra il necessario, l’indispensabile, non eccede e fa bene.

La violenza presente è sufficiente a placare il mio animo malvagio e compensa perfettamente l’amore tra i due protagonisti: non è il solito amore sdolcinato, ma neppure il solito amore dannato; è un misto di orgoglio, destino, dannazione e felicità che sorprende, che appassiona. Non aspettatevi cose alla Beautiful o alla Twilight, sia chiaro: qui c’è classe.

Ci sono alcuni refusi dovuti a un editing forse non troppo accurato, ma solo nella prima parte: quando il romanzo prende il via non si trovano più errori. Non chiedetemi perché, non ne ho idea. Se volete acquistarlo, lo trovate su IBS, sul sito della Montag e sul sito dell’autrice Stella Scarlatta, dove non pagate le spese di spedizione

Per concludere, il voto è 9,5/10.

Laura Schirru sarà ospite del secondo Incontro con l’Autore indetto dal Writer’s Dream per domenica 21 dicembre, ore 16.15. Non mancate.

Annunci

5 thoughts on “» Recensione “Il lamento dell’usignolo”

  1. Ho letto il libro e sono anche io rimasta catturata dalla trama, non banale, e dalla scorrevolezza. Ma sopratutto mi ha incatenata finchè non l’ho finito con l’ansia di scoprire via via, cosa sarebbe successo nella pagina successiva. Per essere un primo romanzo, è davvero un BEL ROMANZO, talmente bello che la scrittrice sembra già navigata e matura per altre avventure letterarie. Non posso fare paragoni con altri autori, ognuno secondo me a sè stante e imparagonabile, ma Laura Schirru secondo me ha le carte giuste per diventare un nome, un riferimento vero.

  2. Pingback: Intervista a Laura Schirru « Scrittori esordienti - il blog di Writer’s Dream

  3. Pingback: Recensione: Ombra di Luce « Scrittori esordienti – il blog di Writer’s Dream

I commenti sono chiusi.