Sulla SIAE e i diritti d’autore

Copio e incollo da Liblog un articolo scritto da Livia:

Leggo oggi di un ennesimo caso SIAE, che mi turba sempre più:

Compensi SIAE per letture in biblioteca
Lettera a «La Repubblica», 19 marzo 2009

Il signor Marzio Bossi di Bologna, in una lettera pubblicata da Repubblica lo scorso 18 febbraio, si stupisce che in Italia le letture pubbliche effettuate in biblioteca per finalità di promozione culturale siano soggette al pagamento del diritto d’autore. L’art. 15 della L. 633/1941 (sulla protezione del diritto d’autore) sancisce che il diritto di recitare, eseguire o rappresentare in pubblico un’opera dell’ingegno di qualsiasi natura rientri fra i “diritti esclusivi” dell’autore o dei soggetti che ne hanno acquisito i diritti di sfruttamento economico. In parole povere, qualsiasi forma di esecuzione in pubblico deve essere autorizzata dagli aventi diritto, per il tramite della SIAE.

Si tratta in tutta evidenza di una stortura contro la quale dovrebbero mobilitarsi anche le associazioni dei consumatori, degli enti locali e dei cittadini. Esattamente come nel caso del diritto di prestito, introdotto nel 2007 nel nostro ordinamento in forza di una direttiva europea che impone alle biblioteche di pagare un compenso ad autori e editori per i prestiti effettuati. In Italia sono stati stanziati 3 milioni di euro all’anno, ma in futuro potrebbero essere di più.

A questo stato di cose l’Associazione Italiana Biblioteche si oppone con fermezza: vengono penalizzate, anziché incoraggiate, le iniziative delle biblioteche per diffondere la conoscenza dei libri e promuovere la lettura. In un paese di non lettori, esse andrebbero a vantaggio anche di autori ed editori, ma soprattutto dei cittadini, che dovrebbero essere i beneficiari ultimi di tali attività.

Se un autore – desideroso di incoraggiare queste forme di pubblicità gratuita alla sua opera – decide di autorizzare una lettura in biblioteca rinunciando al suo compenso, la SIAE è comunque autorizzata a riscuotere il compenso a prescindere dalla volontà degli aventi diritto.

In sostanza la SIAE obbliga al versamento di denaro in cambio di un servizio non solo non richiesto, ma inutile e indesiderato. Dalle mie parti la cosa ha un nome ben preciso. Organi come questo, che tutelano solo i propri introiti, dovrebbero essere smantellati. Mi rivolgo a tutti voi: cosa possiamo fare nella pratica? Si accettano suggerimenti.

Annunci

Dark versus Light: proroga concorso

La scadenza dell’invio testi per il concorso Dark versus Light è stata prorogata al 26 aprile 2009. La settimana di votazioni si terrà dal 27 aprile al 3 maggio, mentre i risultati finali arriveranno a fine maggio 2009.

Grazie a tutti per la partecipazione!

Dark versus Light – GdN

In occasione del primo compleanno del Writer’s Dream e in concomitanza con la Open Week organizzata dalla Lega dell’Inchiostro, lo Staff è lieto di presentarvi

Dark versus Light
Gioco di Narrazione

Sette personaggi in lotta con il proprio peccato, sette giorni per redimersi. Puoi decidere tu del loro destino. Dal 30 marzo al 5 aprile, solo su Writer’s Dream

Prologo ed Epilogo del bravissimo Ian Delacroix, il burattinaio nero di XII Edizioni


Siamo alle solite

Siamo alle solite assurdità propinate dagli editori, miei cari.

Mi riferisco alla risposta datami dalla casa editrice Ibiskos, che alla mia domanda “chiede contributi agli esordienti?” ha risposto in questo modo:

Si, chiediamo il contributo agli autori, perchè putroppo non possiamo fare altrimenti: non abbiamo finanziamenti pubblici di alcun tipo, siamo editori indipendenti, slegati da qualsiasi logica politico-economica, non abbiamo gruppi che ci spalleggiano. Garantiamo dei servizi seri e pubblichiamo autori validi ma nessun editore campa di vendita di libri (nemmeno Mondadori, che sopravvive grazie alle proprie riviste e giornali), quindi senza il sostegno degli autori non esisteremmo.

Legga la Lettera agli autori presente sul nostro sito, avrà molte delucidazioni in merito all’editoria.

Cordialmente.

La segreteria

Mi risparmio ogni ulteriore lettura. Che Mondadori non campi solo grazie ai libri mi ha fatto uscire gli occhi dalle orbite.
Poi, vogliamo pensare a tutti quei piccoli editori indipendenti – Las Vegas, Villaggio Maori Edizioni, XII, Galaad, Zandegù e molti altri – che campano con la vendita dei loro libri senza domandar soldi a nessuno, come fanno?

Non credete alla formuletta “tutti fanno così, è obbligatorio, senza chiedere soldi non si può andare avanti”: non corrisponde alla verità.

E’ triste vedere quanti siano gli editori che, sempre più spesso, danno questa scusa per giustificare la loro scelta. Dite la verità: voi chiedete contributi perché avete difficoltà a mantenervi sul mercato, ma non dite che TUTTI fanno così e che nessuno campa senza domandar soldi agli autori o avere finanziamenti di qualche tipo, perché non è affatto vero.

Un appello alla sincerità.

Dark versus Light – bando di concorso urban fantasy

Writer’s Dream lancia il primo concorso

Originali e Fanfiction – Urban Fantasy

Il concorso è aperto a tutti, la partecipazione è completamente gratuita e, visto che la gloria e l’onore non saziano la fame dell’uomo, abbiamo stanziato dei succulenti premi per voi.


A – Sezione ORIGINALI

Sono ammessi al concorso i racconti autoconclusivi che soddisfano i seguenti requisiti:

Appartenenza al genere Urban Fantasy;

lunghezza minima di due pagine Word, font Times New Roman corpo 12;

lunghezza massima di dieci pagine Word, font Times New Roman corpo 12;

inedicità del racconto (la pubblicazione su siti/forum/blog in tempi precedenti o contemporanei allo svolgimento del concorso comporta l’esclusione dalla competizione)

Ogni autore può partecipare con un solo racconto. La partecipazione alla sezione Originali preclude la possibilità di partecipare alla sezione Fanfiction.

B – Sezione FANFICTION

Sono ammesse al concorso le fanfiction autoconclusive (one-shot o a capitoli) che soddisfano i seguenti requisiti:

lunghezza minima 2 pagine di Word, font Times New Roman corpo 12;

lunghezza massima 10 pagine di Word, font Times New Roman corpo 12;

presenza dell’elemento fantastico;

inedicità della stessa (la pubblicazione su siti/forum/blog in tempi precedenti o contemporanei allo svolgimento del concorso comporta l’esclusione dalla competizione)

NON sono ammesse fanfiction:

PWP (sesso senza trama);

appartenenti al fandom di Naruto;

sulle Real Person;

con personaggi OOC.

Crossover;

Song-fic.

Ogni autore può partecipare con una sola fanfiction. La partecipazione alla sezione Fanfiction preclude la possibilità di partecipare alla sezione Originali.

Continua a leggere

Incontro con l’autore: Moony Witcher

Lega dell’Inchiostro e Writer’s Dream sono lieti di presentarvi un nuovo

Incontro con l’Autore

Questo incontro vedrà ospite Moony Witcher, l’autrice della serie di Nina, la bambina della Sesta Luna, famosa serie edita da Giunti.

Moony sarà con noi lunedì 9 marzo, alle ore 16.00, e sarà lieta di rispondere alle domande che tutti voi vorrete porle.
L’incontro, come sempre, si terrà nella Festino Room del Writer’s Dream.

Qui e qui informazioni su Moony e i suoi libri.

Studio 83 cerca racconti: Venti Nodi

L’associazione culturale Studio83 ha lanciato un nuovo progetto: Venti Nodi, un bollettino letterario.

Le ragazze di Studio83, in questo post, annunciano che su ogni numero, inoltre, ci sarà uno spazio dedicato alla pubblicazione di racconti brevi. Nello specifico, sono qui per annunciare che uno di questi racconti potrebbe essere il vostro: da oggi prende ufficialmente il via l’Operazione Venti Nodi, un piccolo concorso che indiremo in vista di ogni uscita, e che porterà a selezionare un racconto scelto fra quelli che ci invierete.

Qui potete trovare il regolamento completo per partecipare.

Il progetto si prospetta molto interessante; il bollettino, tra le altre cose, verrà reso disponibile in tre versioni: leggibile on-line; scaricabile in formato .pdf; acquistabile in formato cartaceo su Lulu.com. Tratterà temi che abbiano a che fare con la letteratura, la narrativa, l’editoria, spaziando verso ogni argomento che possa essere a loro collegato.

Seguiremo sicuramente la loro bella iniziativa.