L’editore mangia 1600€: i costi reali e il contributo editoriale

Il costo reale di una tiratura di 250 copie si aggira sui 750€; il contributo richiesto dagli editori per una tiratura di 250 copie si aggira sui 2400€. E ricordiamo che si tratta di contributo, ossia del pagamento da parte dell’autore di una parte delle spese.
Abbiamo quindi una differenza di circa 1600€ tra costo reale totale e contributo: dove finiscono quei soldi? Ma soprattutto perché vengono chiesti se non vengono spesi?

Continua a leggere

Annunci

Ecco perché dire “no” all’editoria a pagamento

Dato che sono stata accusata di vivere nel mondo di Alice e di non conoscere le regole del mercato, mi trovo costretta a scrivere un altro post sull’editoria a pagamento e sul perché io e i miei colleghi del Writer’s Dream non l’approviamo. No, non è perché usciamo giusto ora dal Paese delle Meraviglie (qualcun’altro, piuttosto, mi sembra appena uscito dal Paese dei Balocchi…e chi ha orecchie per intendere intenda).
Dunque…

Perché Ayame e WD se la prendono con l’editoria a pagamento?

Premesso che ognuno dei suoi soldi ne fa quel che vuole e se vuole pagare sui 2000€ per veder pubblicato il proprio libro è liberissimo di farlo, ci sono valide, validissime ragioni per cui non si dovrebbe pubblicare a pagamento. Leggete, scrittori convinti che pubblicare a pagamento sia un investimento per il successo:

Continua a leggere

Giraldi: la contraddizione fatta editore

AGGIORNAMENTO SETTEMBRE 2013
Si avvisa che Giraldi Editore ha cambiato proprietà da dicembre 2011 e non ha a che fare con nessuno degli episodi riportarti nel forum di “Scrittori Esordienti”, (ora “Writers Dream”), e non pratica nessuna delle richieste di pagamento segnalate.

In questi giorni è stata portata all’attenzione di WD la casa editrice Giraldi. Una casa che solleva contraddizioni a tutto spiano: da una parte si trovano autori che testimoniano di essersi trovati malissimo e che sostengono chieda contributi, dall’altra autori che giurano di aver trovato un editore molto disponibile che non chiede alcun contributo.

Questione quanto mai interessante, no? Ma partiamo con l’analisi delle informazioni in nostro possesso…Iniziamo con l’accusa:

Continua a leggere

Edizioni Kimerik

Oggi vi voglio parlare della casa editrice Kimerik. L’altro giorno ho inviato loro il Modulo Standard tramite mail e ieri, verso l’una, mi sono vista rispondere questo papiro:

Oggetto: Maggiori informazioni per la pubblicazione
Gentile signora Rando,
prima di tutto grazie per averci scritto. In questa e-mail troverà tante informazioni utili e alcune indicazioni che Le daranno un’immediata percezione di come sarà il Suo libro pubblicando con noi.
In premessa Le preciso subito che dovrebbe spedire il materiale per e-mail in redazione (a questa e-mail redazione@kimerik.it).
E’, infatti, necessario leggere i testi e capire se è possibile proporLe un eventuale percorso editoriale.
In quel caso Le assicuriamo la tutela del copyright con la registrazione e la tutela del diritto d’Autore (che rimarrà Suo) e inseriremo Codici ISBN e Bollini SIAE.
Ci occuperemo della stampa, della promozione e della distribuzione.
Quanto alla promozione puntiamo tantissimo sui media e sui grandi eventi (salone del libro di Torino, di Imperia ecc.), naturalmente stampiamo locandine ed inviti, ci coordiniamo con le librerie per le presentazioni ed il nostro ufficio stampa è molto dinamico.
Quanto ai costi possiamo assicurarLe che leggeremo il libro con cura, Le dico che la valutazione sarà onesta del resto la variabile determinante per fissare il costo è il numero di pagine (nel formato libro).
Rimanderei il discorso ad una seconda fase, sempre se interessato. Per ora, se può, spedisca il materiale.
Siamo una delle pochissime Case Editrici a tutelare in ogni dettaglio i Diritti d’Autore e soprattutto ad occuparci di promozione e distribuzione. Come inviare un manoscritto? Ecco il link: Inviare un manoscritto alla redazione
Abbiamo pubblicato centinaia di Autori, lavorando con serietà, trasparenza e grande professionalità, ecco cosa dicono i nostri Autori di noi: UN CLICK QUI

Caratteristiche della pubblicazione:
carta avorio 100 grammi (la migliore)
Copertina a colori: cartoncino 300 grammi
CODICI A BARRE
CODICI ISBN
BOLLINI SIAE
Registrazione suoi diritti d’Autore (100%)
Registrazione delle copie presso la Biblioteca Nazionale di Firenze e Roma
Presenza sulla nostra rivista con recensione ed approfondimento
Il 100 % dei diritti d’autore saranno Suoi
INSERIMENTO NEI CATALOGHI
PRESENZA SUL SITO KIMERIK
SAREMO AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO (Ed. 2009)
PRESENZA NELLE LIBRERIE
http://www.kimerik.it/distribuzione.htm  (solo qualche esempio)

Sulle copie stampate sarà l’Autore a scegliere quante copie tenere per sé, sulle copie che lascia in redazione per la vendita e la distribuzione il 70% degli utili vanno a lei, a noi il 30% per gestire bolle, fatture, segreteria, contatti con le librerie e spedizione e vendita dei Suoi libri
Per altre informazioni è necessario che spedisca il materiale (a questa e-mail redazione@kimerik.it).
Se la verifica sarà positiva Le spediremo la nostra eventuale proposta editoriale.

A presto
REDAZIONE
Casa Editrice Kimerik
http://www.kimerik.it

Per ogni informazione, il servizio clienti è a Sua disposizione
Web http://www.kimerik.it/posta.htm  e-mail: redazione@kimerik.it
In attesa del materiale, porgiamo distinti saluti

Uhm…sbaglio o NON c’è la risposta alla mia domanda, ovvero: chiedete contributi agli autori?
No, non sbaglio, non c’è scritto.

La redazione di Kimerik mi ha fornito un sacco di informazioni interessanti, reperibilissime sul sito, ma non mi vuole dire se pubblicano chiedendo contributi oppure no (anche se non ci sono molti dubbi, mi sembra). Ho spedito un’ulteriore mail, ieri, chiedendo appunto se potevano darmi delucidazioni in merito al contributo ma risposte non ne ho ancora viste…

Chiudo questo post con un appello a tutti gli editori: siate SEMPRE chiari! sia se chiedete contributi sia se non ne chiedete. E’ molto, molto più apprezzabile vedere che un editore parla subito chiaro, senza girare intorno alle cose per tre quarti d’ora elencando tutte le meraviglie della sua casa editrice ma tacendo sul punto che si desiderava chiarire.

EDIT: la Kimerik, sul sito, ora segnala che potrebbero fare proposte di pubblicazione con contributo. Sempre nella stessa pagina, afferma di essere una delle prime case editrici italiane, presente nelle librerie. Se la trovate nelle librerie della vostra città me lo fate sapere? Io non riesco a reperirla. Grazie per la collaborazione!